Dietro casa

E’ bello andare in giro.

Da qualche tempo, grazie alle mie peregrine e irrisolte ricerche di studio e ai richiami del cuore, mi sono trovato a girare sulle strade del Monferrato. Ho visto posti magnifici, colline rudi, prati a perdita d’occhio, distese gialle di fiori, vecchie cascine piene di cose (cose vere), trattori, aironi, poeti, musicisti contadini, noccioli, suoni e silenzi, colori, filosofi e domande, cappelli, odori acri, papaveri, bombardini, rane, storie, e storie e storie…

Poi qualche giorno fa mi è capitato di percorrere una piccola stfiori giallirada che passa dietro casa mia. Non ricordavo che la campagna tra Rivoli e Rosta fosse così interessante, e ci ho messo alcuni minuti a capire che quella strada era stata percorsa da me decine di volte, quando i miei zii mi portavano bambino in bicicletta all’orto. L’asfalto cede gradualmente il passo allo sterrato, e in pochi metri ci si trova in un mondo apparentemente così lontano dal centro cittadino.

Ma poi mi ricordo che la mia città, se percorsa lentamente a piedi, sa offrire scorci incredibili…e sbirciando da un cancello semiaperto scorgo un’aia in terra battuta in cui scorazzano le galline, come i limoni di Montale, in mezzo ai rumori del traffico, alle macchine, al cemento, allo stress.

E allora sorrido quando penso a chi si affanna per l’ansia di viaggiare, e viaggiare ancora, andare lontano, e cerca sé stesso in Oriente, si emoziona per i pascoli irlandesi, nuota nei mari cristallini del Pacifico, sogni mondi fantastici…

E non sa che dietro casa c’è il tesoro.

Annunci

7 thoughts on “Dietro casa

  1. Richard_SBK83 ha detto:

    Parole sante….Una delle mie foto più belle, forse la più bella in assoluto, me l’hai scattata tu 4 anni fa. Ci sono io appoggiato alla mia moto e alle spalle c’è un campo di grano dorato e un cielo azzurrissimo. Tutti quelli che la guardano mi chiedono dove è stata scattata e si stupiscono nel sapere che eravamo 200 metri dietro casa tua, a pochi metri da Auchan….E poi è proprio vero: c’è gente che sogna di andare di qua e di là e non si accorge che c’è il paradiso a cinque minuti di macchina

  2. Baby ha detto:

    Hai proprio ragione. Pensandoci mi viene in mente quando siamo andati da Marta a Cantarana l’anno scorso, abbiamo percorso in macchina strade immerse nella campagna, uno spettacolo incredibile. E il Piemonte di questi spettacoli ne offre tantissimi. A me però piace anche molto viaggiare, esplorare nuove terre e soprattutto nuove culture e ogni volta mi sento arricchita. Come potrei non avere nostalgia della natura selvaggia e incontaminata della Norvegia o della spiritualità della Thailandia…L’importante è avere sempre un posto dove tornare e sentire che è casa e, nel nostro caso, un posto meraviglioso. Complimenti per il post 🙂

  3. Marta ha detto:

    La vera rivelazione è scoprire che il diverso, l’esotico, il lontano, e forse addirittura l’"etnico", sono molto più vicini di quanto pensiamo, dietro casa, appunto. Proust diceva che il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell’avere nuovi occhi. Aprire la mente abbastanza da scoprire ed accettare prima di tutto la propria, di cultura, credo sia indispensabile per poter affermare di conoscere, se non addirittura di comprendere, quelle altrui.

  4. William Butler ha detto:

    Càpita che passi di qui per leggere e ricordare. Da questa lontananza però, tutto sembra spaventosamente cristallizzato. Spero che la vita e il tempo proseguano, magari nel migliore dei modi possibili; l’unico. Saluti, da me, da Trieste.P.S. Ovviamente non sono d’accordo con il contenuto del post 😀

  5. Dario ha detto:

    Ma guarda…ho fatto giri immensi prima di tornare al punto di partenza. Giri intellettuali ed emotivi, non fisici. Ovviamente. Saluti dalla lontanissima Rivoli… ; )

  6. William Butler ha detto:

    Può essere che intenda tra le righe cosa non vi è (si sa come ogni autore ritragga sé stesso ed ogni fruitore ritrovi sé stesso), ma potrei dirti: "capisco". Però non si torna mai al punto di partenza, piuttosto si va avanti spiraleggiando. Ci vedremo ad agosto se rimarrai da quelle parti.

  7. Dario ha detto:

    Torno il 15 agosto. Se sei da queste parti fatti sentire…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...