Ma sì, parliamo di Sanremo

Ma sì, parliamo di Sanremo… quest’anno lo spettacolone è stato un pò più sobrio rispetto alle pompose edizioni precedenti che spesso sfociavano nel kitch.

A dire il vero la conduzione di Morandi ha lasciato a desiderare: continue incomprensioni, errori, ritmi spezzati, scarsa professionalità nell’affrontare gli imprevisti della diretta…e le due vallette non lo hanno certo aiutato. Belen si è comportata abbastanza bene, ma la Canalis sembrava incapace di qualsiasi cosa. Pareva che fosse in tv per la prima volta, non ne azzeccava una. Luca e Paolo un pò troppo politicamente corretti, ma Sanremo è Sanremo e tutto sommato hanno fatto il loro dovere. L’intervento di Benigni non è stato fra i suoi migliori, ma gli si perdona tutto…e comunque c’è bisogno anche di supportare un patriottismo sano, una passione per il nostro complicato e magnifico paese al di là delle solite divisioni.

In tutto questo le canzoni hanno ritrovato una loro centralità, e secondo me il livello medio era più alto rispetto agli ultimi anni. Ho trovato imbarazzanti relativamente pochi pezzi: forse solo quelli di Max Pezzali, Luca Barbarossa, Al Bano e Anna Tatangelo. La canzone di Patty Pravo non era del tutto tremenda, ma lei è assolutamente insostenibile. Mi sono piaciute le canzoni di Madonia e Battiato, di Van De Sfroos e ho trovato interessante quella di Tricarico, peccato che non l’abbiano cantata gli Avion Travel. Quella di Vecchioni è molto bella, la mia preferita da subito. Credevo che vincesse il duo Emma-Modà (canzone tutto sommato ben costruita), seguito a ruota da Vecchioni, ma forse il fatto che il televoto pesasse un pò meno ha favorito il cantautore milanese. Oppure gli italiani non sono così pecoroni come li crediamo…che questa vittoria sia un segno dei tempi?

Chiamami ancora amore è un grido di speranza dolce e potente, una dichiarazione d’amore per l’umanità in pieno stile vecchioniano: non sembra scritta apposta per Sanremo, errore in cui cascano spesso anche i migliori.

Forse il professore ha ragione, la strada giusta potrebbe essere una canzone d’autore popolare, cioè esteticamente bella, capace di affrontare anche tematiche profonde ma non per questo pesante, noiosa e presuntuosa. Cantautori meno snob al servizio di un pop più raffinato, insomma. Ci proveremo.

Annunci

4 thoughts on “Ma sì, parliamo di Sanremo

  1. richardmarinelli ha detto:

    Sono d’accordo con tutto quello che hai detto, forse solo con la conduzione non sarei così critico: non sarà stata molto professionale ma ho apprezzato il fatto che non sia stata troppo formale. Benigni è partito benissimo ma nella seconda metà a mio avviso è risultato un po’ pesante. Giustissima la vittoria di Vecchioni (forse da leggere anche come un meritatissimo premio alla carriera) però pronostico che nelle prossime settimane Emma e i Modà si riveleranno i “veri” vincitori di Sanremo 2011

  2. Babyjan ha detto:

    Ho seguito ben poco, ma per quel poco mi trovo d’accordissimo con quello che hai detto e sono contenta che abbia vinto Vecchioni (ho temuto fino alla fine che vincesse Al :P). La conduzione faceva ridere, era abbastanza penosa, alla fine l’unica che aveva un minimo di presenza scenica era Belen, nonostante non mi sia molto simpatica. La Canalis era imbarazzante e Morandi…vabbè almeno è giustificabile perché non è il suo mestiere condurre. Vorrei sapere che cosa ne pensi del vincitore di Sanremo giovani. Personalmente avrei preferito quello di Vercelli, aveva una voce interessante e la canzone non mi è dispiaciuta (ma l’ho sentita solo una volta) 🙂 Magari da intenditore mi farai capire che cosa ha colpito così tanto la giuria. Come musicista il Gualazzi mi è sembrato molto bravo, ma vocalmente mi “infastidiva” un po’ 😛

  3. dario de seppo ha detto:

    Altra critica…i giovani quest’anno erano pochi e insignificanti. Non ricordo i nomi. Il vercellese l’ho sentito una volta sola e mi è parso montato, melenso e troppo sanremese. Il Gualazzi mi pare volesse fare il paoloconte\capossela ma è risultato solo una pallida imitazione di Cammariere: voce poco interessante e pianismo studiato classico molto poco jazzistico, nonostante volesse farlo credere tale.
    Mi era sembrata più interessante una ragazza di cui non ricordo nulla.
    Ma si sa, coi giovani sono sempre più critico.
    Vero Rich, alla fine l’informalità risultava quasi simpatica, e i Modà naturalmente sbancheranno in radio.

  4. […] Ma sì, parliamo di Sanremo […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...